Gand: la si può sentir chiamare anche Gent, ovvero anche Ghent,  aggiungendo una semplice H.

Non è tra le città più turistiche delle Fiandre, nonostante non abbia nulla da invidiare alla più visitata e pubblicizzata Bruges (Brugge).

Ti accoglie alla stazione con una moltitudine di biciclette, città universitaria, per poi farti catapultare fuori dal tempo quando cammini nel borgo centrale, tra i suoi palazzi ed i canali.

Certamente è da assaporare lentamente durante le ore del giorno, ma sarebbe un errore imperdonabile non indugiare tra le sue strade appena il sole fa capolino.

Esiste, per lo meno in estate, un percorso “illuminato”, atto a valorizzare i gioielli della città, che con veste solenne si vestono di luce nella nera notte.

E’ un percorso di qualche km che regala degli scorci davvero magici, unici.

Attenzione però a non indugiare troppo lungo il cammino: rigorosamente a mezzanotte le luci si spengono, regalando alla città il silenzio ovattato della notte, concedendole un buio riposo.

Gent 8
.
Gent 7
.
Gent 6
.
Gent 5
.
Gent 4
.
Gent 3
.
Gent 2
.
Gent 1
.

© Simone Sartori

https://i2.wp.com/www.viaggiatore.com/wp-content/uploads/2014/11/Gent-2.jpg?fit=700%2C466https://i2.wp.com/www.viaggiatore.com/wp-content/uploads/2014/11/Gent-2.jpg?resize=150%2C80Simone SartoriCittà da visitareFoto raccontiBelgio,Belgique,Fiandre,Flanders,fotografia,Gand,Gent,Ghent,viaggi,VisitflandersGand: la si può sentir chiamare anche Gent, ovvero anche Ghent,  aggiungendo una semplice H. Non è tra le città più turistiche delle Fiandre, nonostante non abbia nulla da invidiare alla più visitata e pubblicizzata Bruges (Brugge). Ti accoglie alla stazione con una moltitudine di biciclette, città universitaria, per poi farti catapultare fuori dal tempo quando cammini...comunità di viaggiatori