I portici di Bologna, lunghi quasi 40 km, rendono questa città unica al mondo. Adoro passeggiare e perdermi nelle sue vie, affrettare il passo all’apertura di un portone per scoprire al suo interno giardini e chiostri meravigliosi. Ma tutto questo camminare mette anche un certo languorino e Bologna, per una persona come me sempre alla ricerca di ristorantini e caffè particolari, offre una vastissima scelta.

Locali bio di Bologna: vegetariani, vegani, km 0

In questi ultimi mesi sono sbucati, un po’ come funghi, tanti locali biologici, con proposte vegetariane, vegane e a km 0, ma una in particolare ha catturato la mia attenzione, proprio perché difficile da inquadrare.

L'ingresso dello Zoo di Bologna
L’ingresso dello Zoo di Bologna
L'interno dello Zoo di Bologna
L’interno dello Zoo di Bologna

 

Lo Zoo di Bologna non è solo cibo ma anche laboratorio per bambini, luogo per mostre e atelier tessile

Si chiama Zoo e si trova vicino alle due torri. Come riportato sulla porta d’ingresso Zoo è uno spazio pieno di cose diverse. È uno zoo, ma senza gabbie, dove animali e idee possono circolare in libertà. Zoo è un posto per grandi e bambini. Ed è propro cosi, uno spazio unico dove laboratori per bambini, mostre, atelier tessile, negozio di giocattoli, pasticceria, libreria si fondono per creare un’atmosfera quasi magica, di altri tempi. Il tutto con un tocco a stelle e strisce, già, perché i dolci proposti sono quelli tipici della tradizione americana: biscotti, cheesecake, carrot cake, cupcake, bagel, brownies, realizzati con prodotti e farine bio e a chilometro zero… e in più è vegan friendly! Ci si può fermare per una pausa caffè, per un brunch, gustare degli ottimi hamburger veg o fermarsi a fine giornata per un aperitivo con bagel e buns.

Il caminetto dello Zoo di Bologna
Il caminetto dello Zoo di Bologna

Nulla è lasciato al caso, anche l’estetica del locale dove troneggia un fantastico camino del Settecento, i soffitti alti sette metri sono utilizzati come spazio espositivo per i quadri delle mostre in corso e il pavimento richiama le scenografie del film Dogville di Lars Von Trier.
Uno stile minimal e retrò che si fonde perfettamente all’estetica del palazzo storico nel quale si inserisce e che regala, al contempo, uno spazio rilassante ed accogliente.

Se volete dare uno sguardo in più, visitate la pagina Facebook del locale Zoo

Vi servono altri motivi per farci un salto? E allora… forchetta alla mano e tutti in gita allo Zoo!

https://i0.wp.com/www.viaggiatore.com/wp-content/uploads/2015/03/zoo-e1501411757605.jpg?fit=476%2C215https://i0.wp.com/www.viaggiatore.com/wp-content/uploads/2015/03/zoo-e1501411757605.jpg?resize=150%2C80Francesca ZanellaCittà da visitareLife StyleViaggi con bambiniViaggiare in famigliaBologna,cibo sostenibile,Emilia Romagna,Europa,Italia,mostre,urban explorer,VVV | viaggiatori vegetariani/veganiI portici di Bologna, lunghi quasi 40 km, rendono questa città unica al mondo. Adoro passeggiare e perdermi nelle sue vie, affrettare il passo all’apertura di un portone per scoprire al suo interno giardini e chiostri meravigliosi. Ma tutto questo camminare mette anche un certo languorino e Bologna, per...comunità di viaggiatori